Laboratorio di Sicurezza e Compatibilità Elettromagnetica

Settore applicativo a cui si rivolge: Valutazione dell'esposizione umana ai campi elettromagnetici

Tecnologie utilizzate: Insieme di competenze, attrezzature e software specializzati.

Funzioni di interesse per le imprese:

  • Sistema integrato di applicazioni software per la valutazione dell'impatto ambientale dei campi elettrici e magnetici dispersi da elettrodotti a alta tensione, comprendente la gestione di un archivio elettronico delle linee, un modulo multifunzione ("PLEIA") per il calcolo dei campi ed un insieme di funzioni per l'interfacciamento con strumenti di cartografia numerica;

  • Pacchetto software integrato per la dosimetria numerica dei campi elettrici e magnetici in condizioni quasi statiche, comprendente moduli per la modellazione delle sorgenti, la valutazione delle grandezze indotte negli organismi biologici, la gestione dei modelli numerici degli organismi, l'assegnazione delle proprietà dielettriche ai tessuti biologici;

  • Pacchetto di applicazioni per la valutazione dell'esposizione umana ai campi elettrici e magnetici di bassa frequenza con forma d'onda complessa;

  • Insieme di competenze ed attrezzature per la valutazione dell'esposizione umana ai campi elettromagnetici.

Riferimenti

Istituto: Istituto di Fisica Applicata “Nello Carrara”, IFAC

Sede: Via Madonna del Piano 10, 50019 Sesto Fiorentino (FI)

Descrizione sintetica dell'attività

Il primo nucleo dell'archivio degli elettrodotti è nato nell'ambito di un progetto ENEA per lo sviluppo del Catasto Elettromagnetico Nazionale (2000-2001, circa 11 k€). Il nucleo di base del pacchetto PLEIA è stato sviluppato come tesi di laurea di Nicola Zoppetti (svolta presso l'IFAC). Le successive estensioni ed integrazioni sono frutto della collaborazione pluriennale tra ARPAT ed IFAC (v. sotto).

A chi può servire:

  • Ai gestori delle infrastrutture per il trasporto dell'energia elettrica;

  • Agli enti di controllo dell'esposizione umana ai campi elettromagnetici;

  • A chiunque debba verificare il rispetto del complesso sistema di normative nazionali inerenti l'esposizione della popolazione ai campi elettrici e magnetici degli elettrodotti (compresa la costruzione delle fasce di rispetto, delle DPA, delle APA), in relazione ad esigenze di nuova edificazione, ristrutturazione edilizia, cambio di destinazione d'uso di edifici, impianto di attività produttive.

La gestione delle proprietà dielettriche dei tessuti biologici e la realizzazione di un nucleo rudimentale di procedure 2D per la dosimetria numerica risalgono alla partecipazione dell'IFAC al Progetto tematico CNR "Campi elettromagnetici non ionizzanti in biomedicina" (1994). Le attuali procedure dosimetriche 3D e molti strumenti complementari sono stati realizzati nell'ambito del progetto di dottorato di ricerca di Nicola Zoppetti (svolto presso l'IFAC). Ulteriori sviluppi sono stati possibili in occasione dell'impiego del pacchetto in varie convenzioni, contratti e progetti di ricerca (v. sotto).

A chi può servire

  • In ogni circostanza in cui occorra verificare il rispetto delle restrizioni di base previste dalla normativa internazionale e comunitaria relativa all'esposizione umana ai campi elettromagnetici. Allo stato attuale della regolamentazione nazionale, questo ha luogo principalmente in relazione all'esposizione occupazionale a campi elettromagnetici.

Le applicazioni permettono di elaborare le forme d'onda del campo (acquisite con strumentazione che consenta un adeguato campionamento e la successiva digitalizzazione e memorizzazione su supporto informatico), in modo da ricavare gli indici radioprotezionistici previsiti dalle linee guida internazionali in caso di esposizione a campi con forme d'onda non sinusoidali.

Come è stata sviluppata

Il nucleo principale del pacchetto è stato sviluppato nell'ambito di un progetto finanziato da ISPRA (01/2009-07/2009, 40 k€) dal titolo "Attività di studio sull'esposizione della popolazione a sorgenti ELF con forma d'onda complessa: valutazione del campo magnetico e della densità di corrente indotta". Il pacchetto è stato successivamente perfezionato ed adeguato all'evoluzione normativa nell'ambito di altri contratti e convenzioni.

A chi può servire

  • A tutti i soggetti che devono effettuare una valutazione dell'esposizione della popolazione o dei lavoratori ai campi elettrici e magnetici di frequenza fino a 10 MHz, caratterizzati da una forma d'onda non sinusoidale. Fanno eccezione, in Italia, solo le esposizioni della popolazione ai campi emessi dagli elettrodotti: questi sono soggetti ad una normativa particolare, che non contempla le forme d'onda complesse, questo ha luogo principalmente in relazione all'esposizione occupazionale a campi elettromagnetici.

Gruppo di ricerca

Responsabile: Dr. Daniele Andreuccetti

Ricercatori e tecnici:

Nomi e qualifiche:

  • Dr. Nicola Zoppetti, Ricercatore

Elenco dei servizi offerti e delle strumentazioni impiegate

(in costruzione)

* acquistato con il contributo di Regione Toscana
Strumenti [*] Misure Analisi Collaudi Expertise Formazione / aggiornamento Divulgazione Ricerca
               

Modalità dello svolgimento delle funzioni

  • Tempi standard di erogazione per servizio:

  • Tariffe dei singoli servizi in vigore attualmente:

Risultati delle attività

Attività conto terzi svolte dal laboratorio:
  • Catasto Elettromagnetico Nazionale (2000-2001, circa 11 k€)
  • TERNA spa: valutazione di impatto ambientale per una ristrutturazione delle rete elettrica regionale (01/2001-07/2005, 34 k€)
  • Studio Vallerini per conto di ENEL Distribuzione spa: valutazione di impatto ambientale su elettrodotti in provincia di Firenze (11/2002-01/2003, 6 k€)
  • Consorzio Prenestino: verifica normative per edificabilità (11/2003, 3 k€)
  • Pimpinelli-Euroduemila: verifica normative per edificabilità (02/2007-05/2007, 3,5 k€)
  • Immobiliare Curiosa: verifica normative per ristrutturazione (11/2007-03/2008, 3,5 k€)
  • Immobiliare Perseo: verifica normative per edificabilità (12/2007-03/2008, 4,5 k€)
  • Asta Costruzioni: verifica normative per cambio di destinazione d'uso (10/2012-02/2013, 4 k€)
  • Trenitalia: valutazione dell'esposizione occupazionale a bordo di materiale rotabile (01/2008-06/2011, 29 k€)
  • Convenzione con ISPESL per l'esecuzione dell'attività di ricerca B-2-DIL-07 "Utilizzo di tecniche di dosimetria numerica per la valutazione dell'esposizione a campi elettromagnetici degli operatori sanitari operanti su apparati di risonanza magnetica (inclusa la pratica interventistica), nel quadro delle disposizioni della direttiva 2004/40/CE" (11/2008-05/2010, 20 k€)
  • Convenzione con INAIL (ex ISPESL) per l'esecuzione dell'attività di ricerca F-1-DIL-09 "Utilizzo di tecniche di calcolo numerico finalizzate alla valutazione dell'esposizione occupazionale in risonanza magnetica" (05/2010-10/2011, 20 k€)
  • SitesP2 - Progetto 2 "Rischi diretti e indiretti per la salute e la sicurezza di lavoratori e pazienti derivanti dall'utilizzo nelle strutture sanitarie di tecnologie emergenti basate sui campi elettromagnetici", parte del Programma Strategico del Ministero della Salute "Sicurezza e tecnologie sanitarie" (10/2010-09/2013, 30 k€)
  • Convenzione con l'Azienda USL7 di Siena per una "Collaborazione in tema di rischi occupazionali derivanti da agenti fisici - campi elettromagnetici" (05/2009-09/2013, 100 k€)
  • Convenzione con Ospedale Meyer per una collaborazione scientifica sul tema "Sicurezza e compatibilità elettromagnetica dei campi elettromagnetici prodotti da una rete di servizi wireless in ambiente ospedaliero e in particolare pediatrico" (03/2006-02/2009, 30 k€)
  • Convenzione con Azienda USL7 di Siena per una "Collaborazione in tema di rischi occupazionali derivanti da agenti fisici - campi elettromagnetici" (05/2009-09/2013, 100 k€)
    NOTA: la convenzione con l'Azienda USL7 di Siena è stata l'occasione per eseguire numerose indagini presso strutture sanitarie e aziende private, entrando così a contatto con varie tecnologie facenti uso di campi elettromagnetici; molti dei dati raccolti sono confluiti nel Portale nazionale degli Agenti Fisici alla cui sezione sui campi elettromagnetici l'IFAC contribuisce ufficialmente
  • Convenzione con ARPAT per una "Collaborazione sul tema del controllo dell'esposizione ai campi elettromagnetici" (10/2010-9/2016, 145,5 k€)
  • Contratto con Italcertifer per "Supporto alla valutazione del rischio da esposizione a campi elettromagnetici a bordo di materiale rotabile ferroviario" (10/2013-4/2015, 70 k€)